Provincia di Pescara
Pubblica amministrazione

GARA N.3_20PPP - progettazione definitiva (da presentare in gara) ed esecutiva degli interventi di “realizzazione di opere di adeguamento funzionale, efficientamento energetico, manutenzione ordinaria e straordinaria, del Liceo G. Galilei sedi Via Balilla e Via Vespucci e alla gestione del parcheggio interrato di via Balilla”.

Oggetto: GARA N.3_20PPP - progettazione definitiva (da presentare in gara) ed esecutiva degli interventi di “realizzazione di opere di adeguamento funzionale, efficientamento energetico, manutenzione ordinaria e straordinaria, del Liceo G. Galilei sedi Via Balilla e Via Vespucci e alla gestione del parcheggio interrato di via Balilla”.
Tipo di fornitura:
  • Lavori
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 2.256.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 477.000,00
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 40.000,00
CIG: 82262536B9
CUP: C22G20000040003
Stato: Scaduta
Centro di costo: Edilizia Scolastica
Data pubblicazione: 23 aprile 2020 17:15:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 25 giugno 2020 10:00:00
Data scadenza: 07 luglio 2020 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • istanza e integrazione dgue ppp
  • deposito cauzionale 2,5%
  • Documento di Identità
  • Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi
  • PassOE
  • patto d'integrità
  • altri soggetti
  • subappalto
  • autocertificazione marche da bollo
  • schema contratto
  • allegato schema contratto
Per richiedere informazioni: Servizio Gare e Contratti

la data di apertura delle offerte visibile sulla piattaforma è  fittizia ed è stata messa solo a fini informatici (il sistema lo richiede come dato obbligatorio) in realtà non è ancora fissta e sarà comunicata agli offerenti in seguito come riportato nel disciplinare.

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

quesiti e risposte del rup sono riportati nella tabella

Risposta:
  1. Buongiorno, in considerazione dello stato di emergenza Covid è possibile superare l'obbligo di sopralluogo per le società partecipanti che non si trovino nella medesima Regione?

 

  Il sopralluogo è necessariamente obbligatorio.  Attualmente è prevista la data del prossimo 3 giugno per la libera circolazione e, a meno di ulteriori interventi restrittivi del Governo, il sopralluogo sarà organizzato subito dopo la predetta data.

  1.  Si richiede se la durata ventennale della concessione possa decorrere dal termine di tutte le cinque parti specificate nella relazione illustrativa e cioè al termine di tutti gli interventi previsti e/o proposti.

 

 Il temine ventennale viene conteggiato dalla data di stipula del contratto

  1. Si richiede se ad oggi è già presente l’autorizzazione necessaria per la destinazione d’uso “parcheggio” del nuovo stabile di Via Balilla.

 

Il locale da destinare a parcheggio non dispone attualmente di destinazione d’uso in tal senso

  1. Si richiede se ad oggi è già presente l’autorizzazione da parte dei VVF per la realizzazione del “parcheggio” del nuovo stabile di Via Balilla.

 

Il locale da destinare a parcheggio non dispone attualmente di autorizzazione da parte dei VV.F.

Come emerge dalla relazione illustrativa e dai computi allegati, l’Affidatario dovrà redigere apposito progetto di adeguamento normativo, impiantistico e funzionale del locale da destinare a parcheggio, che attualmente si trova allo stato grezzo. Detto progetto dovrà essere sottoposto a preventivo parere da parte del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco (Comando di Pescara). Ottenuto il parere favorevole, l’affidatario procederà all’esecuzione dei lavori e alla conclusiva presentazione di SCIA antincendio. Giova ricordare altresì come il suddetto progetto di adeguamento, costituente parte essenziale del Progetto definitivo da consegnare alla SA in fase di offerta, dovrà prevedere i necessari sistemi di separazione antincendio dell’attività specifica “parcheggio”dall’attività scolastica in essere (Liceo Scientifico anch’essa da portare ad adeguamento normativo). Il tutto come meglio dettagliato nella relazione illustrativa e relativi allegati

  1. Si richiede se l’immobile di via Balilla è soggetto a vincoli ostativi per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico da 58 KW.

 

L’immobile, individuato in catasto al Fg. 23, part.291, è stato riconosciuto di importante interesse culturale (Provvedimento MIBACT _Abruzzo n. 109/2017).

  1. Si richiede se la realizzazione dell’impianto fotovoltaico da 58 KW è prevista nella sede storica o nel nuovo edificio di Via Balilla.

 

Il progetto di fattibilità prevede l’impianto FV sulla copertura piana della sede storica. Resta inteso che l’O.E. ha piena facoltà di realizzare un progetto definitivo da presentare in sede di offerta che modifichi anche sostanzialmente l’idea progettuale alla base del progetto di fattibilità, fermo restando il soddisfacimento dei requisiti minimi richiesti nel capitolato prestazionale (Allegato B).

  1. Si richiede se è corretto interpretare che l’O.E debba volturare a proprio carico le utenze di energia elettrica e di gas metano presenti negli immobili oggetto di concessione.

 

SI è corretto.

  1. Si chiede conferma che il costo medio annuo di energia elettrica pari ad € 13.345,00 + IVA delle sedi di via Balilla non include costi e consumi del nuovo edificio.

 

Il costo annuo di € 13.345,00 + IVA delle sedi di via Balilla include entrambi gli edifici (sede storica e polo didattico), incluso il locale da destinare a parcheggio, nello stato di fatto

  1. Come previsto nella Relazione Illustrativa, il Vostro Ente riconoscerà all’O.E i canoni relativi alla componente di Energia Elettrica e Energia Termica. La componente Energia Termica da voi riportata è lo sviluppo del Consip Servizio Energia 2, mentre la componente Energia Elettrica sembra essere costituita dalla solo voce di costo di consumo dell’energia elettrica. Si chiede conferma di quanto citato.

 

Si è corretto, il costo dell’energia elettrica è stato dedotto dai consumi fatturati (bollette ENEL).

  1. Si chiede conferma quale sia il limite tra interventi ordinari/straordinari inclusi nel canone annuo e quindi totalmente a carico dell’O.E e gli interventi straordinari non inclusi nel canone e quindi da trattare come extra canone.

Come dettagliato nel Capitolato Prestazionale (Allegato B): “Le manutenzioni di carattere straordinario consistono nelle opere necessarie a rinnovare o sostituire parti danneggiate/non più funzionali del complesso scolastico, nell’ottica del mantenimento nella piena efficienza delle parti edilizie, strutturali ed impiantistiche.

Resta fissato e precisato inderogabilmente che il carattere straordinario di detti interventi non deve interessare nel modo più assoluto variazioni definite essenziali al complesso.

Più nel dettaglio, variazioni nella organizzazione della attività didattiche, variazioni nelle superfici, incrementi di servizi igienici, interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, così come la sostituzione integrale di elementi che concorrono a definire il complesso non possono sicuramente rientrare nell’ambito del presente progetto.

  1. Si chiede conferma che i canoni relativi alla componente di Energia Elettrica e Energia Termica, potranno variare annualmente in base agli effettivi consumi di energia termica ed elettrica e che l’offerente nel proprio progetto offerta possa prevedere un idoneo metodo di contabilizzazione dei due servizi.

 

Il canone che la S.A. verserà annualmente sarà quello accordato in sede di convezione (negli elaborati di gara fissato in € 55.000,00 - quota dovuta al lordo dell’IVA ed accise - ) e soggetto a ribasso in sede di offerta). Detto importo, ribassato in sede di gara, resterà fisso e immutato per l’intera durata della concessione.

L’offerente ha facoltà, nell’ambito della propria logistica operativa, di prevedere i metodi di contabilizzazione che ritiene più idonei alla gestione

  1. Nel computo metrico estimativo è presente la fornitura e posa in opera di un nuovo impianto da 32 KW. Si richiede in quale edificio è stata prevista questa nuova installazione.

 

L’impianto FV previsto è da 68 KW per un costo complessivo di € 80.000,00 oltre IVA. Il riferimento a 32 KW di cui all’allegato A è relativo ad un refuso.

  1. Il computo metrico “C -Manutenzione Annuali” riporta il costo delle operazioni di ordinaria e straordinaria manutenzione riferita ad anni 10. Si chiede conferma che i valori da Voi riportati sono riferiti ad anni 10 e non sono valori di costo annuali.

 

Le manutenzioni di cui all’Allegato “H_Sezione C – Manutenzioni annuali” sono da garantire annualmente. Si precisa che la dicitura “Riferite ad anni 10” serve a chiarire che il costo annuo è da riferire ad un decennio in quanto questa è la finestra temporale all’interno della quale vanno garantiti tutti i principali interventi. Si vedano ad esempio nelle manutenzioni ordinarie la voce “tinteggiatura” riportata in quantità 0,1: ossia una completa tinteggiatura in anni 10, oppure i collaudi decennali degli estintori, riportati in manutenzione straordinaria, conteggiati con un costo decennale spalmato sull’annualità (applicazione del coefficiente 1/10).

  1. Al fine di predisporre una adeguato progetto, si richiede file in dwg degli stabili oggetto di concessione.

 

Saranno resi disponibili a breve sulla piattaforma

 

  1. Il documento “attestazioni consumi” riporta la tabella dei conguagli del Servizio Energia Consip. La media degli ultimi tre anni sia per la sede di Via Balilla che per la sede di via Vespucci è superiore al valore da Voi indicato nella Relazione Illustrativa. Si richiede specifica di quanto citato. Inoltre si richiede se i valori riportati nella tabella “attestazione consumi” sono comprensivi di IVA.

 

L’incongruenza rilevata tra la tabella dei conguagli del Servizio Energia Consip e i valori riportati in Relazione Illustrativa è dovuta alla mancata contabilizzazione dei costi delle manutenzioni, aggiornamenti normativi e gestione nell’ultimo caso (Relazione Illustrativa). Infatti detti costi sono già ricompresi nelle tabelle Consip, e pertanto “compresi nei corrispettivi di contratto” mentre sono stati calcolati a parte nei computi resi dal Progettista del Progetto di Fattibilità tecnica ed Economica.

Si precisa altresì che i valori riportati nella tabella “attestazione consumi” (Allegato N) non sono comprensivi di IVA.

 

  1. Si chiede conferma che il costo medio annuo del servizio energia pari ad € 10.139,34 + IVA delle sedi di via Balilla non include costi, volumi e consumi del nuovo edificio.

 

No. Detto costo include tutti i fabbricati presenti nella sede di Via Balilla, non incluso il locale interrato da destinare a parcheggio, attualmente non riscaldato

FAQ n. 2

Domanda:

1) Si chiede conferma che al paragrafo 7 lett. a) del Disciplinare di gara “Fatturato medio relativo alle attività svolte negli ultimi cinque anni antecedenti alla pubblicazione del bando non inferiore al dieci per cento dell’investimento previsto per l’intervento (€ 577.000,00)” si faccia riferimento al fatturato globale conseguito dall’operatore economico concorrente.

2) In relazione alle lettere c) e d) del paragrafo 7 del Disciplinare di gara, si chiede conferma che per “servizi affini a quello previsto dall’intervento” si faccia riferimento alle attività di realizzazione di opere di adeguamento funzionale, efficientamento energetico, manutenzione ordinaria e straordinaria (per le quali, peraltro, è richiesta l’attestazione SOA per le categorie OG1 e OG11) e che, pertanto, il concorrente che abbia svolto le suddette attività nella misura richiesta dalla lex specialis di gara soddisfi i requisiti richiesti.

3) Si chiede conferma che l’operatore economico concorrente, che esegue direttamente i lavori, in possesso dei requisiti di cui alle lettere a) e b) del paragrafo 7 del Disciplinare di gara incrementati nella misura di 1,5 volte non debba, altresì, dimostrare il possesso dei requisiti di cui alle lettere c) e d) del medesimo paragrafo. In attesa di Vostro cortese riscontro, si porgono distinti saluti.

Risposta:

1)   per il punto 7 lett.a  il riferimento è al fatturato globale; quello per servizi affini  è richiesto alla lett. c;

2)  i servizi affini non sono riferiti al possesso di attestazione SOA o alla realizzazione di opere rientranti nella cat. OG1 e OG11 per le quali, appunto,si richiede il possesso della SOA;  i servizi affini sono riferiti all’attività di  progettazione e gestione della concessione nel suo complesso;

3) si conferma per quanto previsto all’art.95 comma 2 del DPR 207/10 ss.mm.ii. ancora vigente.

FAQ n. 3

Domanda:

PROROGA TERMINI

Risposta:

è stato pubblicato un avviso contenente la proroga dei termini previsti per la procedura di gara 03_20PA-PPP  

avviso su GUUE 

avviso su guri n. 61/29.5.2020      

pubblicato anche su MIT, profilo del committente, 2 quotidiani nazionali e 2 locali

FAQ n. 4

Domanda:

Il sottoscritto Pietro Colanzi nato a Casoli (CH) il 30.08.1946 e residente a Casoli (CH) alla Via Ascigno 73 in qualità di Amministratore Unico della “COLANZI SRL” con sede Casoli (CH) in Zona Ind.le Casoli Ovest, sn – C.F./P.Iva 02083060695, con numero di telefono 0872/982528 e Fax. 0872/993650, in riferimento all’appalto di concessione avente ad oggetto un Partenariato Pubblico Privato per il project financing relativo a “progettazione definitiva (da presentare in gara) ed esecutiva degli interventi e “realizzazione di opere di adeguamento funzionale, efficientamento energetico, manutenzione ordinaria e straordinaria, del Liceo G. Galilei sedi Via Balilla", fa presente che il protrarsi dei tempi per il sopralluogo obbligatorio sui luoghi oggetto di gara comporta l’impossibilità a redigere in tempi ragionevoli la proposta di project a fronte del fatto che la tipologia di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria non trovano espliciti riferimenti sugli elaborati grafici di gara, tra l’altro parziali e non completi in tutti i suoi aspetti grafici, per il fatto di aver pubblicato allegati contenenti solo i rilievi dello stato di fatto e di non aver pubblicato nulla in grado di evidenziare la localizzazione della maggior parte delle lavorazioni inserite nei computi metrici. Per cui oltre a riscontrare una evidente difficoltà nel collocare sui luoghi di gara le lavorazioni previste in computo, resta assolutamente impossibile valutare le offerte migliorative senza poter accedere negli edifici e riscontrare quali possano essere le priorità nei lavori di manutenzione da offrire in gara. Inoltre trattandosi di Project risulta necessario chiudere anticipatamente l’offerta in modo da poter fare le valutazioni economiche necessarie per giungere a definire i valori di T.I.R. e V.A.N. e della successiva asseverazione del piano. La procedura di Project non può essere paragonata a quella di una gara migliorativa in quanto la mancanza di progettazione definitiva ed esecutiva comporta il sopralluogo preventivo sui luoghi di gara, necessario ad elaborare le scelte di progetto e a renderle comprensibili alla commissione da un punto di vista grafico, descrittivo ed economico. Il sopralluogo non può essere inteso come puro atto amministrativo in quanto è alla base della progettazione definita. All’esito della fissazione della data di sopralluogo pertanto si rende necessaria una proroga della gara adeguata al fine di poter rispettare le esigenze appena esposte.

Risposta:
Non sono state ne’ riscontrate ne’ segnalate ad oggi le presunte difficoltà indicate nella f.a.q. proposta. 
Il RUP con apposite note inviate agli OO.EE. che ne hanno fatto richiesta, ha fissato il sopralluogo presso i plessi scolastici secondo le modalità previste dal bando/disciplinare pubblicato il 23 aprile scorso e già prorogato stante le difficoltà degli spostamenti in periodo emergenziale. 
Le date per i sopralluoghi sono state comunicate con congruo anticipo al fine di consentire a tutti la partecipazione e altrettanto congruo tempo per la successiva trasmissione dell’offerta entro la scadenza prevista. 
Al momento quindi non si ravvede l’opportunità di un’ulteriore dilazione temporale.